VIA LIBERA ALL’UTILIZZO DEGLI SMARTPHONE NELLA DIDATTICA

IL MINISTERO DÀ IL VIA LIBERA ALL’UTILIZZO DEGLI SMARTPHONE NELLA DIDATTICA

Giovedi , 18 Gennaio 2018. Questa mattina , nel grande happening di Bologna, si sono confrontate le 14 commissioni che hanno fatto parte del gruppo di lavoro sull’uso dello smartphone in classe. Sono state scelte 5 finaliste ed il primo premio è andato alla commissione numero 1 di cui ha fatto parte il Dirigente scolastico dell’I.I.S. Martino Filetico di Ferentino, prof.ssa Concetta Senese, con una rappresentanza di alunni tra cui Federica Ferraguti. Il premio? Viaggio a Dubai, per partecipare alle simulazioni delle sedute dell’ONU. Federica Ferraguti è intervenuta presentando il lavoro svolto. La ministra Valeria Fedeli nel suo intervento sulla scuola digitale “Futura”, ha presentato l’atteso decalogo per “l’uso dei dispositivi mobili” a scuola. I dieci criteri stabiliti arriveranno nei prossimi giorni nelle scuole tramite circolare. È chiaro che il digitale nella didattica è una scelta del docente e non un obbligo, ma come recita il numero 7, è una scelta, perché spetta ai docenti introdurla e condurla in classe per educare alla cittadinanza digitale, che deve soprattutto educare attraverso la didattica l’uso competente e responsabile dello smartphone. È chiaro che ci vuole maggior controllo , in quanto i ragazzi sono tenuti ad utilizzarlo solo quando lo decide l’insegnante per una ricerca utile e coerente relativa alle finalità della scuola. Non tutti i Paesi sono stati d’accordo come l’Italia, basterebbe pensare alla Francia, dove da pochi giorni il ministro dell’istruzione Jean-Michel Blanquer ha introdotto il divieto di usare gli smartphone a scuola. L’Italia ,invece , è decisa a partire dalla convinzione che “proibire l’uso dei dispositivi a scuola non è la soluzione”. Chi avrà ragione?

Classe IV H