Al Liceo Paola Biglia e Alessandra Terrile incontrano gli studenti.

Venerdì 20 aprile presso l’aula magna del nostro istituto si è svolta una interessante  attività di approfondimento di letteratura moderna e contemporanea a   cura  delle professoresse Paola Biglia e Alessandra Terrile autrici dei testi  scolatici di antologia e letteratura .  Numerosa la partecipazione degli studenti  i quali si sono dimostrati sensibili e attenti e si sono lasciati  coinvolgere nelle tematiche letterarie  proposte  dalle relatrici. I docenti presenti hanno ricevuto molti complimenti per il comportamento degli studenti che hanno saputo apprezzare l’occasione culturale offerta dalla scuola, approfondendo  lo studio della letteratura italiana moderna con interessanti spunti, collegamenti e contaminazioni  con la tradizione classica e la cultura latina.

L’intervento della prof.ssa  Paola Biglia  ha sviluppato  “Il tema della follia  d’amore nell’Orlando furioso  e nei versi di Alda Merini”. L’intervento della prof.ssa Alessandra Terrile  ha trattato  “I versi di Valerio Magrelli in dialogo con la poesia di Lucrezio”.Tema focale è stato, in particolare, l’amore, rappresentato per mezzo del racconto della follia che condanna Orlando all’ossessione e all’autodistruzione, passando attraverso i versi di Alda Merini, all’interno del quali è stata evidenziata la pura essenza del sentimento universale. Dopo aver analizzato il connubio tra il poema cinquecentesco e la poesia del Novecento, l’attenzione si è soffermata sulla lettura della lirica “Il confine tra la mia vita e la morte altrui”, tratta dal libro “Didascalie per la lettura di un giornale” di Magrelli, supportata  dal confronto con la pagina dell’autore latino Tito Lucrezio Caro. “È dolce guardare da terra”, canta il poeta latino, ritraendo l’immagine immortale della natura che chiede all’uomo di essere liberato dal dolore fisico e dalla sofferenza dell’animo.