La solitudine dei giovani

Oggi non c’è più vera comunicazione tra i giovani, esiste solo quella virtuale. I giovani sono diventati molto fragili, non hanno più punti di riferimento. Spesso litigano per cose futili, non hanno una guida e il più delle volte si rinchiudono in se stessi covando odio e risentimento verso i propri simili. Proprio questo sentimento di odio è stato la causa della morte di Emanuele, che la città di Alatri piange e spera che vengano puniti i responsabili. L’odio è quel sentimento che oggi si sta facendo spazio sempre più tra le persone, causato spesso dalla mancanza di rapporti sinceri, ascolto e comprensione. I ragazzi dovrebbero parlare più tra loro, anche insultarsi , ma a parole senza passare ai fatti, quindi alla violenza che è l’aspetto più grave che caratterizza la nostra società. Perché accade questo? I mass media ogni giorno ci presentano fatti tragici ed i giovani, invece che essere inorriditi di fronte a ciò, vogliono emularli.
È la società che va cambiata!
Bisognerebbe tornare a quelli che sono i valori di una volta dove prevalevano le buone maniere e il rispetto verso gli altri.

M.AMATO
C.CARBONI
B.PICCHI
VG