La Domenica delle palme

Il 25 marzo , con la domenica delle palme , si è aperta la Settimana Santa che porta alla Pasqua.

Tutte le chiese cattoliche hanno ricordato, nell’omelia, il trionfante ingresso di Gesù a Gerusalemme , in sella ad un asino osannato dalla folla , che lo salutava agitando dei rami di palma dicendogli :” Osanna al figlio di David , Osanna al Redentor.” Nella forma ordinaria del rito romano , viene anche ricordata come domenica De Passione Domini.
Anche Papa Francesco , con tale solenne celebrazione , ha aperto la Settimana Santa , benedicendo i rami di palma e ulivo.
Dopo la processione , per raggiungere il Sagrato , ha celebrato la messa ricordando la Passione di Cristo.
Alla cerimonia hanno preso parte i giovani di Roma e delle altre diocesi, in occasione della ricorrenza diocesana della XXXIII giornata mondiale della Gioventù.
Proprio ai giovani Papa Francesco si è rivolto, durante l’omelia, chiedendo a tutti di seguire la grazia di Gesù , di guardare il crocifisso che è la cattedra di Dio , e di trarre l’amore , la semplicità , l’umiltà , la misericordia e di abbandonare l’egoismo.
Ha invitato inoltre a riflettete sulla Liturgia di questa domenica , che unisce la gioia del popolo e il dolore della Passione.
Spiega poi Papa Francesco : “chi gioisce intorno a Gesù, sono quelli che hanno ritrovato in Lui l’amore, la dignità , e possono quindi gridare :” BENEDETTO COLUI CHE VIENE NEL NOME DEL SIGNORE”.
Ha concluso l’omelia rivolgendosi ai giovani dicendogli : ” Cari giovani sta a voi la decisione di gridare… , e di non restare nel silenzio imposto dal mondo corrotto.

D.Marino V G