Imitando Montale

Le classi V F e V G, dopo uno studio approfondito sulla poesia di G. D’Annunzio “La pioggia nel pineto” , hanno composto una parodia sull’esempio di quella di Montale, guardando alla realtà dei nostri giorni.
Ve le presentiamo

Classe V F

Scende la pioggia su di noi

Piove
Piove sui tetti e sui muri
Piove sul lungo viale
Piove sugli alberi oscuri
Con ritmo triste ed uguale

Piove
Piove e tutti i bambini
Stanno ad ascoltare
Dietro ai vetri dei balconi
Quel continuo ticchettare
Dell’acqua sui lastroni

Piove
Piove sui detriti di Amatrice
E nei cuori dei soccorritori
Resta una cicatrice

Piove
Gentiloni non sa
come agire
E il popolo
continua a soffrire
Ma del resto
bisogna reagire

Pioverà il 4 marzo
Quando in una cabina
Forse sceglieremo
la nostra prossima rovina.

Piove sul nostro futuro
Che appare
sempre più oscuro

Piove sulle labbra
rosse e impazienti
Di una donna che non prova desiderio
Ma soltanto
pensieri apparenti

Piove sui grandi ricordi
Di quelle sere
passate a pensarti
Di quelle passioni
Senza disaccordi

Piove sul tuo viso
Che non lascia
Alcun pianto
Ma soltanto
un dolce sorriso

Piove
Ascolta il rumore del mare
mi ricorda la tua immagine
che non voglio abbandonare.

Classe V G

La speranza non piove dal cielo

Piove
è un rumore assordante
la gente è senza lavoro
e il posto fisso
non è più sicuro

Piove
e si vive nel malcontento
e il popolo
vive a stento

Piove sui sentimenti
quelli che ormai
non sono più presenti…

Piove sui nostro viso
che stanco ormai
Non cede più
alcun sorriso

Piove sui vaccini
“nessun obbligo”
ha dichiarato
di Maio come Salvini

Piove sulle elezioni
Dove
secondo un sondaggio Matteo Renzi
è in pieno vantaggio

Piove sul Vaticano
dove gli scandali
e la corruzione estesa
portano i fedeli
a fuggire dalla Chiesa

Piove e piange l’ operaio
mentre al TG
parla Di Maio

Piove sulla scuola
dove la violenza
negli asili
insiste ancora

Piove sul calcio giocato
dove la corruzione
domina
E non si accusa alcun reato

Piove su tutto il mondo
e la società
sta andando a fondo