FROSINONE-SPEZIA 1-1.

Un vero peccato per la squadra ciociara che viene raggiunta soltanto nei minuti di recupero grazie ad un rigore di Pessina. Parte bene lo Spezia che dopo 40’ secondi effettua il primo tiro in porta con Ammari, tiro che però termina al lato. All’ 8’ minuto di gioco partono i ciociari con un tiro di Dionisi che termina sul fondo. Altro tentativo al 15’ di Ciano con un tiro che sorvola di poco la traversa. Il Frosinone c’è e si fa vivo nell’area avversaria senza però concretizzare le occasioni create. Al 16’ rischiano il patatrac Vigorito e Terranova con il portiere ciociaro che rinviando colpisce il compagno con la palla diretta a rete che fortunatamente termina in corner. Il portiere ciociaro dopo due minuti travolge con un’uscita “kamikaze” il compagno Crivello che è costretto ad uscire per un colpo alla nuca e rientrerà dopo 3 minuti con una vistosa fasciatura. Al 32’ Ciano si fa parare il tiro del possibile 1-0 dopo un contropiede iniziato da Citro (sostituisce Daniel Ciofani dopo un infortunio muscolare che lo vedrà lontano dai campi per un mese). Termina così il primo tempo con molte emozioni da una parte e dall’altra ma nessuna delle due squadre riesce a concretizzare le occasioni create. Alla ripresa riparte ancora forte lo Spezia ma, al 12’ l’episodio chiave: su tiro di Kone, Giani in scivolata tocca con il braccio sinistro e l’arbitro assegna il calcio di rigore trasformato da Dionisi. La ripresa è un dominio ciociaro con molte occasioni create ma, come nel primo tempo, non concretizzate. Questo si rivelerà un peccato quando al 45’ Crivello atterra Giani in area: l’arbitro dopo un attimo di indecisione assegna un calcio di rigore e lo Spezia sigla la rete del pareggio 1-1. Un vero peccato per un Frosinone che aveva bisogno di un risultato positivo soprattutto dopo la lunga settimana di ritiro a Roma.

Andrea Pro
Emanuele Argento VF