BYOD anche al Filetico

Si sente spesso parlare del termine BYOD per quanto riguarda l’uso delle tecnologie. Ma cosa significa? BYOD significa Bring Your Own Device (“Porta il tuo device”): si riferisce alla pratica di utilizzare a lavoro e a scuola il proprio pc, notebook, tablet o smartphone.

Uno dei punti di forza del BYOD è costituito dalla possibilità di trasformare radicalmente l’organizzazione dell’insegnamento. L’uso della tecnologia consente di virtualizzare lo spazio e rompere le barriere fisiche dell’aula, mettendo l’alunno nelle condizioni ideali di poter utilizzare il suo strumento dove e quando vuole: a scuola, a casa o in qualunque altro posto. Rende semplice l’apprendimento a distanza per gli alunni che siano impossibilitati a recarsi fisicamente a scuola. Mette l’istituzione nelle condizioni di dematerializzare i supporti didattici, dando così un taglio definitivo all’annoso problema delle fotocopie.

Grazie ai progetti PON e l’implementazione della rete WiFI è oggi possibile attivare questa metodologia nella nostra scuola.

  • Un QR code collegato al questionario online creato con Google moduli
    Un QR code collegato al questionario online creato con Google moduli
    Inizia il test!