Auschwitz: Viaggio della Memoria 10-12 Aprile 2016

L’ ITE di Ferentino ha partecipato con due alunni al Viaggio della Memoria organizzato dalla Regione Lazio. Questo viaggio è stato una vera e propria avventura nelle emozioni e nei dolori del passato. I sopravvissuti hanno reso tutto molto più reale e comprensibile; tutto è stato molto emozionante e nello stesso tempo formativo. Ascoltare di persona, percepire le loro emozioni attraverso il tono della voce durante il racconto della loro terribile esperienza, vedere i loro occhi lucidi e la loro espressione è stato come rivivere quei momenti del passato e tutto ciò ha fatto comprendere quanto un essere umano possa essere crudele. Il fatto di aver visitato questi luoghi ha permesso ai ragazzi di avvicinarsi ancor più ai suoni, ai rumori e alle sensazioni che potevano essere vissute. In alcuni attimi i presenti hanno chiuso gli occhi e hanno ricreato nella mente le scene di questo mondo terribile. Per non dimenticare è il caso che i giovani di oggi riflettano sulla citazione di Primo Levi:

“Se comprendere è possibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre! ”.
La storia è maestra di vita, è importante conoscerla e tramandarla non solo come fatto storico ma anche con le sensazioni e le emozioni vissute. L’obiettivo di questo progetto è stato il coinvolgimento dei giovani affinché possano trasmettere queste testimonianze ai loro coetanei. É stato realizzato un piccolo collage dei momenti più salienti del viaggio e successivamente sono state mostrate le foto alla classe, con un piccolo commento. Questo viaggio ha permesso alle menti dei ragazzi di aprirsi e non farsi condizionare da pensieri devianti che vogliono far emergere le differenze e quindi evitare che si riformino gruppi estremisti che riciclino le idee del passato, pericolo sempre più presente nella società contemporanea.

C. FIORINI
VH

img-20161112-wa0002 img-20161112-wa0000